logo

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER FIERE - C.C.I.A.A. FERMO

La Camera di Commercio di Fermo ha emanato un bando per l’assegnazione di voucher a copertura di parte delle spese sostenute dalle micro e piccole imprese per la partecipazione dal 1° luglio al 31 dicembre 2017 a manifestazioni fieristiche in Italia e all’estero.

La domanda di contributo dovrà essere inviata esclusivamente per via telematica - entro il 31 dicembre 2017 - al seguente indirizzo di posta elettronica certificata della Camera di Commercio cciaa@fm.legalmail.camcom.it indicando nell’oggetto “Bando per la concessione di contributi per la partecipazione a manifestazioni fieristiche nazionali ed internazionali dal 1° luglio al 31 dicembre 2017”.

Le risorse finanziarie disponibili ammontano a € 50.000,00


I contributi a fondo perduto saranno concessi secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande, fino ad esaurimento dei fondi.
 
Di seguito si riporta la scheda sintetica del bando.


Soggetti beneficiari
Possono beneficiare del contributo le imprese che rientrano nella definizione di micro e piccola impresa che:
- abbiano sede legale e/o unità locale nella provincia di Fermo;
- non abbiano beneficiato o beneficino di altri contributi pubblici per l’abbattimento dei costi per le stesse voci di spesa;
- siano imprese iscritte al Registro imprese;
- siano imprese che, pur a vendo iniziato la loro attività, non abbiano omesso la relativa denuncia al REA (Repertorio economico amministrativo);
- siano imprese non sottoposte a procedure concorsuali;
- siano imprese che non abbiano subito protesti negli ultimi due anni;
- siano imprese in regola con il pagamento del diritto annuale;
-non abbiano pendenze in corso con la Camera di Commercio di Fermo


Interventi ammissibili
Sono ammesse a contributo le domande delle imprese per la partecipazione a manifestazioni fieristiche in Italia e all’estero, che si sono svolte dal 1° luglio al 31 dicembre 2017.
Per “manifestazioni fieristiche” si intendono le attività limitate nel tempo e svolte in regime di libera concorrenza, in idonee strutture espositive per la presentazione, la promozione o la commercializzazione di beni e servizi.
Non sono riconosciute, ai fini del contributo, le partecipazioni a:
- esposizioni permanenti di beni e servizi organizzate per esclusive finalità promozionali (es. showroom);
- esposizioni marginali a scopo promozionale o commerciale organizzate collateralmente a manifestazioni convegnistiche o culturali ad esse connesse;
- business meeting, convegni;
- manifestazioni di interesse tipicamente locale, quali le sagre paesane, le feste patronali e le iniziative folcloristiche locali;
- mercati di ambulanti e i mercatini occasionali, periodici o rionali;
- mostre ed esposizioni a carattere non commerciale di opere d’arte;
- mostre zoologiche e mostre filateliche, numismatiche o mineralogiche, quando non abbiano una prevalente finalità commerciale o di scambio;
- le attività di vendita di beni e servizi disciplinate dalla normativa relativa al settore del commercio in sede fissa o su aree pubbliche.

Spese ammissibili
Sono ammissibili a contributo esclusivamente le spese, al netto dell’IVA e delle analoghe imposte estere, sostenute specificamente per la fiera cui si riferisce la richiesta di contributo:


1. noleggio spazi espositivi ed allestimento, incluse le seguenti spese accessorie di allestimento: allacciamenti e consumi elettrici ed idrici, pulizia dello stand;
2. assicurazioni collegate all’esposizione in fiera;
3. iscrizione al catalogo ufficiale;
4. trasporto del materiale da allestimento ed espositivo;
5. interpretariato;
6. assistenza tecnica e partecipazione a corsi di formazione specialistica per la preparazione ai mercati internazionali;
7. partecipazione ad iniziative promozionali a pagamento previste dal programma ufficiale della fiera (workshop, B to B, etc).
Non verranno ammesse spese riguardanti commesse interne o oggetto di autofatturazione, nonché ogni spesa riferita all’utilizzo di personale e collaboratori dipendenti dell’impresa beneficiaria e le spese di viaggio (vitto, alloggio e trasporti).


Misura del contributo
L’agevolazione concedibile per ciascuna domanda consiste in un contributo a fondo perduto sotto forma di voucher, in conto capitale sulle spese sostenute e ritenute ammissibili per l’acquisizione dei servizi di cui sopra nella percentuale del 50%, al netto dell’IVA, nelle seguenti misure:
- per fiere in Italia fino a Euro 1.000,00;
- per fiere all’estero fino a Euro 2.000,00.

Il contributo a fondo perduto concesso per singola azienda sarà al lordo delle ritenute d’acconto del 4%.
L’agevolazione è erogata in regime di "de minimis" ai sensi dei regolamenti (CE) nr. 1407/2013, nr.1408/2013 e nr. 717/2014.


Modalità e termine di presentazione della domanda
La domanda di contributo dovrà essere redatta sull’apposito modello A.
Ciascuna impresa, pena l’esclusione, potrà presentare una sola domanda per tipologia di manifestazione (una per l’Italia e una per l’Estero) per un importo massimo di € 3.000,00.
E’ obbligatoria l’indicazione di un indirizzo PEC, presso la quale l’impresa elegge il domicilio ai fini della procedura e tramite cui saranno gestite tutte le comunicazioni successive all’invio della domanda.
La domanda di contributo dovrà essere inviata esclusivamente per via telematica al seguente indirizzo di posta elettronica certificata della Camera di Commercio cciaa@fm.legalmail.camcom.it indicando nell’oggetto “Bando per la concessione di contributi per la partecipazione a manifestazioni fieristiche nazionali ed internazionali dal 1° luglio al 31 dicembre 2017”.

Alla domanda devono essere allegate copia del documento di adesione alla manifestazione fieristica sottoscritta dal legale rappresentante del l’impresa e copia delle relative fatture di spesa, opportunamente quietanzate.
Tutte le fatture e i documenti contabili dovranno essere emessi a carico esclusivamente del soggetto che presenta la domanda di ammissione al contributo.

Bando

Modello A domanda fiere

Dichiarazione sostitutiva per contributi fiere

 

Share
Portale Uni.Co.