logo

News Generali

Visualizza la descrizione
Nascondi la descrizione

CINA : SETTIMANA CINA-ITALIA DELL'INNOVAZIONE DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA 2019

E' aperta la call per partecipare alla Settimana dell’Innovazione, della Scienza e della Tecnologia Cina-Italia, in programma nelle città di Pechino e Jinan dal 28 al 31 ottobre 2019.

Di seguito alcune informazioni di dettaglio sull'iniziativa e  il testo della call.

ITALIA-CINA, 10 ANNI DI COOPERAZIONE NEL SEGNO DELL’INNOVAZIONE

Seminari tematici, tavoli di networking, incontri one-to-one e un’intensa azione di promozione istituzionale sotto l’egida dei rispettivi Governi scandiranno il ritmo dello storico programma di cooperazione bilaterale avviato dieci anni fa tra Italia e Cina per valorizzare i sistemi innovativi di ricerca e impresa.

La Settimana dell’Innovazione avrà quest’anno un particolare rilievo anche grazie agli accordi siglati nell’ambito del Memorandum of Understanding firmato in occasione della visita del Presidente cinese Xi Jiping in Italia e in vista del 50° anniversario delle relazioni diplomatiche nel 2020.

Il programma prevede:

-        il 28 Ottobre (Pechino): lo svolgimento del Sino-Italian Exchange Event;

-        il 29 Ottobre (Pechino): la celebrazione del 10 Anniversario del China-Italy Innovation Forum, alla presenza dei Ministri Marco Bussetti e Wang Zhigang;

-        il 30 Ottobre (Pechino): visite a Poli di Innovazione e Centri di Eccellenza;

-        il 31 Ottobre (Jinan): il Focus Territoriale ai centri di ricerca e incubatori tecnologici.

In occasione della manifestazione si svolgeranno inoltre le finali della Best Start-up Showcase Entrepreneurship Competition, che ha visto dall’inizio dell’anno 90 startup impegnate in un percorso selettivo di esplorazione del contesto cinese. Infine, in occasione del decimo anniversario del Forum sarà allestita un’area espositiva per presentare i risultati della cooperazione tra istituzioni ed imprese italiane e cinesi.

Possono partecipare le imprese e tutti i soggetti pubblici e privati (centri di ricerca, università, cluster tecnologici nazionali, imprese e start-up, distretti innovativi, parchi scientifici e tecnologici, associazioni di categoria, etc.) con una sede in Italia, attivi nell’innovazione di prodotto e processo o nella ricerca scientifica e tecnologica, e che hanno interesse a confrontarsi con potenziali partner della Repubblica Popolare Cinese.

La partecipazione alla manifestazione, agli incontri One-to-One e alle sessioni di lavoro è gratuita ma è subordinata alla compilazione del modulo di registrazione.

Per partecipare alla Settimana è necessario compilare il modulo di registrazione pubblicato sul sito di Città della Scienza.

La data di scadenza per l’iscrizione alla manifestazione è fissata al:

-        31 luglio 2019 per chi vuole proporre un intervento nei seminari tematici;

-        27 settembre 2019 per coloro che sono interessati a partecipare agli incontri one-to-one.

Momento centrale di una piattaforma di cooperazione permanente tra i due Paesi, la Settimana è promossa in Italia dal MIUR in sinergia con il MAECI, dalla Regione Campania per il SIEE, ed è coordinata dalla Città della Scienza di Napoli, in collaborazione con il CNR, Confindustria, i Cluster Tecnologici Nazionali, le principali Università e Centri di Ricerca Italiani, e Campania NewSteel e PNI Cube per il programma delle startup. Da parte cinese, il programma è promosso dal Ministero della Scienza e della Tecnologia (MoST) e coordinato dal Beijing Municipal S&T Commission, e dall’International Technology Transfer Network per il programma startup, oltre che dal Beijing Association for Science and Technology–BAST per il SIEE, a sua volta membro della Chinese Association for Science and Technology– CAST.

Testo call

CINA: MISSIONE PMI A DALIAN E QINGDAO 18-21 GIUGNO 2108

E'  in programma dal 18 al 21 giugno la missione imprenditoriale in Cina dedicata alle PMI e organizzata da Confindustria e Agenzia ICE nell’ambito del Business Forum Italia-Cina, l’organismo copresieduto da Pirelli e Bank of China il cui obiettivo è promuovere le relazioni economiche tra i due Paesi.


L’iniziativa avrà luogo nelle città di Dalian, Provincia del Liaoning, e Quingdao, nello Shandong, e sarà aperta alle imprese di piccola e media dimensione che operano nei seguenti settori industriali:

·        Macchine e Prodotti della Meccanica (in particolare macchine tessili, utensili, meccanica agricola e packaging)
·        Green Technology e Clean Energy
·        Farmaceutica e Medicale
·        Arredamento
·        Nautica da diporto
·        Food&Beverage.

 
Programma della missione
Il programma dei lavori prevede l’arrivo della delegazione a Dalian lunedì 18 giugno; nella serata dello stesso giorno sarà organizzato un welcome briefing di introduzione alla missione, mentre martedì 19 è previsto un seminario dedicato alla presentazione delle opportunità di collaborazione e di investimento offerte dalla provincia del Liaoning e dalla città di Dalian, seguito da una sessione di incontri bilaterali fra imprese italiane e controparti cinesi.
Il giorno successivo, mercoledì 20 giugno, sarà dedicato a visite aziendali e, nel pomeriggio, al trasferimento della delegazione nella città di Qingdao dove, giovedì 21 giugno, avrà luogo una presentazione da parte delle autorità dello Shandong e un’ulteriore sessione di incontri di business con imprese cinesi.
Il rientro in Italia è previsto a partire dalla sera del 21 giugno o nella giornata del 22.

Adesione all’iniziativa
Le imprese interessate a partecipare alla missione possono dare conferma della loro adesione entro e non oltre l’11 maggio p.v. compilando il form disponibile sul sito web www.pmichina2018.ice.it  alla voce “Adesione”.
Per le adesioni ricevute in data successiva non sarà garantita l’organizzazione di incontri di business. Si segnala inoltre che qualora il profilo dell’azienda italiana iscritta agli incontri b2b non dovesse risultare di interesse per le controparti cinesi, sarà cura degli organizzatori darne comunicazione.

Lingua dei lavori
Le lingue di lavoro saranno il cinese e l’italiano per i momenti seminariali e l’inglese per le sessioni di B2B. Sarà quindi garantita la presenza di interpreti italiano-cinese esclusivamente per le sessioni plenarie, mentre per gli incontri bilaterali saranno a disposizione delle imprese interpreti inglese-cinese.

Catalogo
Tra le azioni di comunicazione previste per facilitare i contatti con le controparti locali, si segnala anche la realizzazione di un catalogo digitale, in lingua italiana e cinese, con una pagina dedicata a ciascuna azienda che prenderà parte alla sessione di incontri bilaterali.
Per la redazione del catalogo saranno utilizzate le informazioni riportate nella scheda di adesione. Contestualmente all’iscrizione dovrà quindi essere caricato sul sito il logo (Azienda o Marchio) in formato vettoriale o in alta definizione che verrà poi riportato sul catalogo e fatto circolare in Cina via wechat per la pubblicizzazione della missione e dei profili delle aziende partecipanti.

Organizzazione e logistica
La partecipazione alla missione è gratuita; saranno a carico di ciascun partecipante le spese di viaggio in Cina, mentre Bank of China, copresidente del Business Forum, si farà carico dei costi dell'alloggio della delegazione nelle due città. Maggiori indicazioni a riguardo saranno fornite con una successiva circolare logistica.

Formalità per l’ingresso in Cina
Si ricorda che per l’ingresso in Cina è necessario il passaporto con validità residua di almeno sei mesi e il visto di ingresso da richiedere, anche attraverso agenzie specializzate, alle Rappresentanze diplomatico-consolari cinesi presenti in Italia.
Per maggiori informazioni su modalità e documentazione richiesta è possibile consultare il sito web www.fmprc.gov.cn.

programma dell’iniziativa aggiornato alla data odierna.

CIRCOLARI FINANZIAMENTI - RIEPILOGO

COLLOCAMENTO MIRATO DEI DISABILI - DATORI DI LAVORO CHE OCCUPANO DA 15 A 35 LAVORATORI - NUOVI OBBLIGHI E REGIME SANZIONATORIO

Si ricorda  la novità introdotta dal 1° gennaio 2018,  relativa all'obbligo immediato di assumere una persona con disabilità da parte di datori di lavoro che occupano da 15 a 35 lavoratori.

Determinata la base di computo per determinare se il datore di lavoro rientra nella fascia dimensionale interessata, occorre quindi attivarsi per l’avviamento della persona con disabilità secondo le modalità previste dalla legge (richiesta nominativa, convenzione o avviamento numerico).

Il termine per adempiere all’obbligo di richiedere l’avviamento (previsto dall’art. 9 della legge n. 68/1999) è di sessanta giorni dal momento in cui scatta l’obbligo di assunzione dei lavoratori disabili, ossia dal momento in cui insorge la scopertura.

Nel ricordare le possibilità di riconoscimento di incentivi economici (art. 13) e di interventi di sostegno economico per l’eventuale introduzione di accomodamenti ragionevoli (art. 24 Dlgs n,. 38/2000 e art. 1, comma 166, l. n. 190/2014), si segnala che l’inadempimento all’obbligo di avviamento di una persona con disabilità comporta anche in questo caso delle sanzioni.

In primo luogo, si ricorda che l’impossibilità di certificare (sia in autocertificazione che come atto della pubblica amministrazione) la regolarità rispetto agli obblighi della legge n. 68/1999 determina (art. 17 l. n. 68/1999) l’impossibilità di partecipare o comunque l’esclusione da bandi per appalti pubblici o l’impossibilità di intrattenere rapporti convenzionali o di concessione con pubbliche amministrazioni.

In secondo luogo, l’art. 15 della legge n. 68/1999 prevede, quale strumento di incentivo all’assunzione anche dopo la scadenza del termine dei 60 giorni, una sanzione economica progressiva in misura pari a “cinque volte la misura del contributo esonerativo di cui all'articolo 5, comma 3-bis al giorno per ciascun lavoratore disabile che risulta non occupato nella medesima giornata”.

Posto che il contributo esonerativo è pari ad € 30,64 (art. 5, comma 3), la sanzione è pari ad € 153,20 per ogni giorno di scopertura relativa al lavoratore disabile non occupato.

Alla sanzione è applicabile lo strumento della diffida, per cui, laddove non sia già iniziata alcuna procedura ispettiva o sanzionatoria, l’ispettore del lavoro che accerti la violazione deve diffidare il contravventore, ammettendolo a pagare una somma di importo pari ad un quarto della sanzione stabilita in misura fissa.

Quindi, laddove si adempia ad esito di diffida (e nei termini indicati dall’art. 13 della legge n. 124/2004), la sanzione sarà pari ad € 38,30 per ciascun giorno di ritardo.

 

Per opportuna documentazione, alleghiamo la nota direttoriale del Ministero del Lavoro e dell'Anpal 23 gennaio 2017, che illustrava le novità in commento (non tenendo ovviamente conto del successivo rinvio al 1° gennaio 2018 dell'entrata in vigore della norma, disposto dal d.l. n. 244/2016 convertito in l. n. 19/2017).

 

Nota direttoriale 23 gennaio 2017